15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Vado a vivere da solo Come tornare single e sopravvivere!
pasqua single

Perchè un single deve festeggiare sempre

Avatar
Marzo 27, 2016

Spesso chi torna single si considera finalmente libero da feste comandate, ricorrenze, rituali e obblighi di qualunque tipo. Libero dai trenini di capodanno che ti stavano tanto sul cazzo, dalle tombolate di Natale, dai pranzi in campagna con la tribù a Pasquetta. Molto tempo fa però mi hanno insegnato a dare un valore a queste cose, quello che io biblicamente chiamo “ricordati di santificare le feste”.

single sul divanoConsiderare i giorni tutti uguali non vuol dire elevarsi rispetto a un mondo di ipocriti pecoroni che fanno le cose “solo perchè devono”. Vuol dire invece spesso rifugiarsi nell’abusata zona di comfort e trovare scuse per non schiodarsi dal divano e dai sempiterni tubi di Pringles e dalle fantastiche serie tv.

Vuol dire perdere un po’ i contatti con il mondo che scorre, per seguire unicamente il proprio ritmo interiore che però in alcuni casi è pericolosamente privo di bigliettai, controllori e capistazione e rischia di portarti in stazioni disabitate e senza riscaldamento, dove non succede mai niente di cattivo ma in fondo neanche niente di buono.

Io ci tengo enormemente a festeggiare i compleanni, a decorare la casa per Natale, a mangiare uova e salame a Pasqua, e non voglio che un giorno da festeggiare sia uguale a un altro, che già ne passiamo tanti di giorni troppo uguali. Pensa che una volta, un milione d’anni fa, andando a conoscere una ragazza in un lontanissimo albergo proprio la notte di Natale, mi portai un piccolo presepe nella valigia!

Esattamente come le mele si mangiano a gennaio, le nespole a maggio, e i fichi ad agosto perchè hanno più gusto, così deve essere anche per i giorni speciali che vanno colti quando arrivano e non quando ci pare, se no è come se fossimo sempre al banco di surgelati: sempre disponibili, inesauribili, vari, ma freddi e che sanno di poco.

Non è immediato comprendere questo in un presente dove sembra di avere tutto costantemente a portata di mano: l’amico lontano si raggiunge con Whatsapp, la donna che ti piace ha appena messo le foto della sua serata su Facebook, il telefonino squilla in continuazione e tutti sembrano sempre vicini per stringerti in abbraccio enorme quanto fasullo.

Sei liberissimo poi ti trovare il TUO senso a queste feste, che non devono per forza essere icone svuotate e riempite di cazzate consumistiche, ma possono diventare un calendario personalissimo e carico di quello che sarai stato in grado di metterci dentro.

Lascia perdere il ritmo interiore, oggi è festa: aggiustati la barba, prepara la colazione speciale, cerca una fetta di dolce e trova il modo di festeggiarla con qualcuno. Pringles e serie tv ti faranno compagnia un altro giorno, tanto loro non scadono mai (ma tu invece sì). Auguri belli, buona festa!

COMMENTI 0

Lascia un commento