15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Vado a vivere da solo Come tornare single e sopravvivere!
tradwives

Chi sono le Tradwives?

Avatar
Dicembre 25, 2020

Il mondo è bello perché è un continuo loop di tendenze che vengono, vanno, ritornano e magari si fermano (se non cogliete la citazione io non ve la svelo). Ed è questo il caso delle tradwives, ovvero un nuovo trend nato in Inghilterra che vede sempre più donne scegliere di tornare ad essere casalinghe, anzi “mogli tradizionali”, traducendo alla lettera.

Tradwife: la moglie tradizionale

Per moglie tradizionale viene intesa una donna che non lavora, rimane a casa a pensare al suo andamento e alla crescita dei figli. Per molti questo può apparire un bizzarro anacronismo, e la scelta di essere una tradwife viene da molti identificata come “sottomissione verso il marito”, immaginando casalinghe anni ’50 che passano le giornate a smaltarsi le unghie coi bigodini, in attesa che torni il maritino per servirgli un Martini ghiacciato, probabilmente strafatte di Valium e alcolici.

alena kateIn realtà sta nascendo un vero e proprio orgoglio tradwife, ovvero ci sono donne che ostentano con forza questa scelta, e non sono donne dimesse che vivono nell’ombra delle mura domestiche come le nostre nonne, ma persone che usano benissimo i social come grancassa per il proprio stile di vita (come ad esempio l’inglese Alene Kane Pettitt e la sua Darling Academy).

Immagino che anche la pandemia abbia avuto il suo peso: tanti di noi si sono improvvisati panificatori, arredatori, chef, restauratori durante il forzato lockdown, e forse in qualcuno/a la voglia di reagire in modo attivo si è combinata con l’occuparsi al meglio e felicemente di tutto questo (mostrando continuamente al mondo i propri successi casalinghi). Ovviamente il ritorno a questo tradizionalismo femminile è oggetto di pesante sarcasmo da parte di tutto il fronte femminista, ma la risposta della Pettitt è ineccepibile: “la mia visione del femminismo è che sia fondato sulle scelte. Dirmi che devo andare a farmi strada nel mondo del lavoro e che non mi è permesso rimanere a casa, sarebbe privarmi di una scelta”.


La mia visione delle Tradwives

Non conosco abbastanza il fenomeno per escludere che al suo interno non ci siano ANCHE delle frange politico/religiose conservatrici che inneggino a un tipo di vita retrò (comprese quelle neomamme che da anni apostrofiamo ironicamente col nome di Pancine) ma credo che dietro ci sia anche altro e si chiama Crisi Economica.

donna che lavoraAlmeno, se dovessi collocare il fenomeno in Italia, basandomi sulle storie personali che conosco, penserei fondamentalmente a questo. Probabilmente le realizzazioni lavorative che oggi sono possibili raggiungere, spesso non sono abbastanza allettanti (e remunerative) per delegare ad altri la crescita dei propri figli.

Una cosa è tentare una luminosa e gratificante carriera, un’altra è andare in giro a fare le consegne per Amazon, a lavorare in un call center, a fare la cassiera sottopagata in un supermercato con orari assurdi, prendendosi tutto questo “sbatti” per poi consegnare la paga a una/un baby sitter (lavorare per 5 euro l’ora per poi darne 10 ad altri non è il top) aggiungendoci pure le spese di spostamenti e pranzi fuori. Quindi facendo di necessità virtù, meglio qualificarsi mestamente come “disoccupata” o meglio definirsi casalinga con orgoglio? Come diceva prima l’influencer inglese, si tratta di una scelta.

Inoltre, ascoltando da anni le storie di donne e uomini over 40 grazie al mio gruppo facebook per single, posso immaginare una sorta di “riflusso”. Quando si discorre con persone che hanno alle spalle matrimoni e convivenze fallite, le visioni sono bipolari: da una parte cinismo e pessimismo circa le relazioni (sia lunghe che brevi), dall’altra un romanticismo disneyano verso la storia amore “che ci meriteremmo”.

famiglia mulino biancoTanti matrimoni (o magari quello dei nostri genitori) sono andati al diavolo perché “ognuno perso dentro i fatti suoi” e questo potrebbe portare a un’idealizzazione di ritorno della famiglia del Mulino Bianco.

Non è la mia opinione, perché naturalmente io auspico un mondo dove entrambi i partner possano avere tutta l’indipendenza economica che serve, ma posso arrivare a comprendere che le motivazioni che ci sono dietro non sono necessariamente dettate da un’improvvisa voglia di divenire “sottomesse serve del patriarca” (ma quando mai!).



COMMENTI 0

Lascia un commento