15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Vado a vivere da solo Come tornare single e sopravvivere!
smettere di fumare

Smettere di fumare: ce la posso fare

Marzo 17, 2016

E lo so, smettere di fumare è un casino e quando ve ne parlano iniziate a tapparvi le orecchie e a fare blublublublù per non sentire. Ma ogni tanto occorre pure fare gli ometti, quindi cercate di arrivare almeno fino a metà post.

Ho 44 anni, fumo da quando ne ho 16 e fumo TANTO e fumo rosse. Ero riuscito in passato a passare alla sigaretta elettronica, una vecchia Elips: sono tornato a casa una sera e per due anni non ho toccato una paglia. Un percorso non indolore, perchè come dicono in Gomorra, tra una ecig e una sigaretta passa la stessa differenza che c’è tra nu strunz e nu babbà, ma ci sono riuscito.

Poi, c’è sempre un maledetto poi, la fine di una lunga storia di coppia, i tormenti, e mille altre cose che non vi interessano hanno fatto in modo che riprendessi esattamente da dove avevo lasciato. Ma ieri, in una giornata di mezzo sole, cercando di convincere un amico un po’ asmatico a smettere di fumare (non credete che non esistano questi matti), mi sono detto: sai che c’è? Quasi quasi torno a casa e non compro le sigarette.

La sigaretta elettronica è un aiuto

ego oneNon sono solo in questa impresa: ho con me una sigaretta elettronica molto performante, una bella Joyetech eGO ONE 1100, che seppur piccola mi aiuta da mesi a dimezzare la quantità di sigarette vere, se no ne fumerei 40 al giorno.

Scegliendo di non comprare più pacchetti,  per fronteggiare una intera giornata di sicuro dovrò affiancarla con una gemella o magari con una eGrip OLED Joyetech che oltre a essere esteticamente gagliarda è più capiente e resistente come batteria. Il costo mensile di mantenimento di una sigaretta elettronica è ridicolo, specie se come me ti compri i boccioni di liquidi, ma ne parlerò in futuro di questo.

Il vero momento duro è molto breve

Conosco già il percorso: quello che un fumatore di solito ignora è che la dipendenza vera dalle sigarette dura poco, due o tre giorni circa. Quello che viene dopo è tutta una fortissima dipendenza psicologica, ma su quella con tanta volontà si può agire.

Paradossalmente tu puoi passare tutta la sera senza sigarette con successo (se ti trattieni vedrai che dopo qualche ora quel bisogno ossessivo si calma), e poi ricadi il giorno dopo per motivi stupidi: hai preso il caffè, non riesci ad andare in bagno, hai finito di pranzare. E’ vero, in quei momenti la sigaretta elettronica è assolutamente insufficiente e deludente, ma con un po’ di spina dorsale te la puoi far andar bene. L’importante è che non cerchi mai di RIDURRE, perchè quello di fumare è il vizio più diabolico, ingannevole e subdolo che esista: devi solo smettere di botto.

Già da qualche giorno ho iniziato a ridurre il consumo di alcool (quello si può ridurre, non è per me una dipendenza) e visto che siamo in ballo, ora voglio provare anche a togliermi questo diavolo dal groppone. Tra uno e l’altro sono 200 euro in più che rimangono in saccoccia ogni mese, e già questo è un motivo validissimo per provarci.

Lo so che se sei tornato single da poco mi dirai: ma cazzo, ne ho passate di cotte e di crude, la mia mente è un flipper scassato, soffro la solitudine e faccio una vita del menga, ma sappi che tutta la mia comprensione non servirà ad aiutarti.

Invece ti dico: sei tornato single, stai imparando a dominare te stesso, a ridurre le dipendenze, a stare da solo, stai diventando nel tuo piccolo un superuomo e solo per questo diventerai automaticamente un uomo molto più risolto e attraente di prima. Non che tu debba fare questo per la patonza, ma diciamo che il “premietto” è sempre qualcosa che sprona.

Liberati dalle cose, liberati dalle persone

liberati dai manipolatoriE ti rivelo un segreto: se sei così in gamba da liberarti dalle cose nocive, sarai anche più capace di liberarti dalle persone nocive, da manipolatori e manipolatrici, dalle persone inutili, da chi ti si appende ai testicoli come a una campana, da tutto quello che non porta alla tua felicità.

E’ pieno il mondo di persone che vogliono usare la tua testa come loro WC personale: mandali a cagare da qualche altra parte, e lo puoi fare veramente solo se impari a frenare i tuoi vizi, le tue voglie inutili, i castelli in aria che si creano quando Adori qualcosa invece di amarla.

Come fai con le sigarette, come fai con l’alcool, come fai col gioco, con il pc, con la tv, con le Pringles e con tutta una serie di cose che se ci pensi bene sono accomunate da un unico fattore: sono tutte inutili.

Dipendimi dalla fica, dipendimi dalla parmigiana di melanzane di mammà, dipendimi dai viaggi e ti darò la benedizione papale con tanto di chierichette cheerleaders, ma se dipendi dal nulla, continuerai a essere nulla.

libro su come vivere da single


COMMENTI 0

Lascia un commento