15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Come tornare single e sopravvivere
eiaculazione precoce cosa fare

Quando lui è Fratel Coniglietto

Avatar
Agosto 25, 2019

Un tempo quando si parlava di rapporti sessuali si parlava di una cosa generalmente piacevole. Oggi invece la mania, talvolta eccessiva, di compiacere l’universo femminile ha reso la cosa più complicata per noi maschietti. Tant’è che si parla talmente tanto di “performance” e “prestazioni, che talvolta mi confondo e credo di essere dal concessionario Renault, invece diamine si parlava di sesso non di comprare una Clio del 2013.

big bambooIl pianeta donna oggi sostiene di pretendere almeno 3 o 4 orgasmi a botta, se no non si mette manco lo smalto alle dita dei piedi. Magari sono le stesse donne che sono state mogli ventennali di svogliati speedy gonzales armati di minipimer e che giustamente oggi vogliono un riscatto, e questo ci sta benissimo. Ma è anche vero che il riscatto mica dobbiamo pagarlo noi, se proprio siete in fissa di prestazioni mitologiche andate a Cuba o in Giamaica a cercarvi i Big Bamboo.

Il contro della faccenda è che tutta la faccenda ricade sull’uomo che tartassato da tutto questa questa pubblicità progresso inizia a coltivare nevrosi e insicurezze, anche perché le pretese sono alte ma chi le esige non ha sempre le fattezze di Jessica Rabbit o un potere stimolante di incredibile portata.

Ho parlato quindi di come stare sereni circa le dimensioni del pene, ho parlato di problemi di erezione, ho parlato della possibilità di provare il Viagra e di destreggiarsi nelle pratiche orali, ma ancora non ho parlato della famigerata eiaculazione precoce.

Quando si parla di eiaculazione precoce

eiaculazione-precocePossiamo usare questa definizione quando un rapporto penetrativo ha una durata che va da meno di 15 secondi (e qui si parla di eiaculazione precoce grave) a un massimo di 2 minuti (lieve).

Precisiamo che ogni coppia ha i suoi tempi, e che in molti casi due persone riescono ad adattarsi l’una all’altra in modo spontaneo (molte donne che hanno avuto un compagno Ernesto Sparalesto hanno imparato a raggiungere l’orgasmo molto in fretta). Ma certo, se non si riesce a raggiungere neanche un minuto di plug & play, il problema ce lo dobbiamo porre.

I miei consigli

Un sentimento scomodo

Ovviamente se soffrite di eiaculazione precoce dovete evitare quelle posizioni che per attrito o anche contatto visivo vi eccitano troppo. Cercate piuttosto quelle più scomode e “noiose”, sarà una piccola sofferenza ma almeno potrete arrivare a una degna conclusione.

Pensa a qualcosa di orribile

Pensate a qualcosa di disturbante. Noi uomini lo sappiamo bene, provare a controllare la respirazione e nel frattempo pensare alle cose più ammoscianti: call conference lavorative, bollette, incidenti automobilistici, lista del supermercato, scarafaggi. Il rischio è ovviamente quello di perdere poi l’erezione dato che non siamo più 30enni, ma sono sicuro che saprete trovare il vostro equilibrio.

Agitare bene prima dell’uso

Arrivare a un incontro amoroso dopo un’astinenza pluriennale sicuramente vedrà una conclusione a tempi di record. Un consiglio antico quanto il mondo è quello di smanettare il sacro mammut una o due volte prima di trovarsi nel talamo, per raffreddare i bollenti spiriti.

Stringi le ciappette

Ho amici seguaci del sesso tantrico che trovano il loro benessere in lunghi rapporti sessuali (ovviamente molto “zen” quindi NON con velocità da centrifuga). Il loro segreto è controllare molto bene la respirazione e contrarre la zona perianale quando sentono di arrivare alla fine, calmarsi e poi riprendere. Richiede allenamento costante, ma è un metodo valido.

Ma il Viagra?

Una soluzione apparentemente assurda, ma non ho nessun titolo medico per suggerirvela, è quella di…prendere il viagra. Paradossalmente, ho sperimentato che la pillola blu favorisce la padronanza dell’erezione, perché ci da sicurezza e anche perché ci consente di rimanere “sempre in piedi” durante le posizioni che ci stimolano meno e che quindi durano più a lungo. E se proprio va male, sempre grazie alla pilloletta troverete in poco tempo le forze per riprendere la ehm…seduta. Magari provate con un quartino di pillola, 12 mg, una quantità irrisoria ma che potrebbe psicologicamente fare la differenza.

Ripartiamo in sicurezza con i preservativi più venduti nel mondo


Conclusioni

Arrivato ormai alla fine della mia vita (scherzo, era per drammatizzare) posso sostenere che generalmente le problematiche sessuali arrivano da problemi di coppie male assortite.

Quando non ci sono intesa, supporto, empatia ogni problemino diventa gigantesco, specie se non si comunica. E su questi argomenti avviene spesso una carenza di comunicazione, a volte l’uomo si rifiuta di ammettere un problema oppure si vergogna di se stesso e di parlarne con la partner o magari lei è terribilmente castrante e trasmette in modo diretto o indiretto tutta la sua disapprovazione, andando a peggiorare sicuramente le cose.

Se ritieni che l’eiaculazione precoce sia ormai una costante e che sia diventata il tuo principale problema a letto, non disdegnare di leggere manuali tipo Comanda la tua Eiaculazione, o di fare un bel salto dal tuo medico di fiducia senza troppe vergogne e timori.

Sei single? Non perderti il libro di Vado a vivere da solo!

COMMENTI 0

Lascia un commento