15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Vado a vivere da solo Come tornare single e sopravvivere!
chiodo-scaccia-chiodo

Chiodo scaccia chiodo? Anche no

Avatar
Giugno 6, 2020

A tutti noi è capitato di aver fatto da chiodo scaccia chiodo, ovvero di essere stati per qualcuno una sorta di primo soccorso dopo una cocente delusione amorosa.  Ci siamo sorbiti centinaia di ore di lamentele, pianti, rabbia, dedicati a quell’ex così stronzo, immaturo, irragionevole, narcisista, ed è un miracolo se dopo tutta questa manipolazione non siamo andati sotto casa dell’ Immondo a spaccargli le gambe per aver ridotto in tale pietoso stato una sì delicata principessa. Preciso che il discorso è totalmente unisex, quindi indifferentemente applicabile sia a uomini che donne.

Abbiamo fatto miracoli dicevamo, in quella sala operatoria che è l’amore, per risanare le ferite ancora aperte, porgere fazzoletti di seta per asciugare le lacrime calde, per costituire un’alternativa vera ed essere visti come tale. E ce la siamo inevitabilmente presa in cool, seguendo le tre fasi che sto per elencare.

Fase 1: la competizione con l’ex

cuore incatenatoNella prima fase, la nostra partner sebbene rabbiosa è ancora soggiogata dal ricordo del suo rapitore, tipo sindrome di Stoccolma. Ci incaponiremo per scacciarne la presenza, ma sarà una lotta contro i mulini a vento. Il suo (del  rapitore) “iononpossoamareh” sarà a posteriori attribuito a chissà quali sevizie subite in un orfanotrofio di suore lesbiche, i suoi comportamenti sfuggenti e strafottenti saranno divenuti l’apoteosi della virilità, il suo micropene verrà ricordato come un palo del telegrafo capace di catalizzare i fulmini durante le tempeste.

Fase 2: il dubbio

Nella seconda fase, inizieremo a dubitare della veridicità dei racconti e inizieremo a dirci che forse lo stronzo non era poi così stronzo e che la principessa non era poi così principessa. Sostanzialmente avremo iniziato a comprendere più profondamente il nostro ruolo di scacciachiodi e l’impossibilità di essere ciò che volevamo. Siamo stati “scelti” in quanto radicalmente diversi dall’ex che ha causato sofferenza, e non per quello che siamo. Questo significa che dopo essersi ristabilita, l’altra persona tornerà piano piano a cercare quello che voleva prima del trauma, dato che chi nasce tondo non muore quadro.

Fase 3: la consapevolezza

Nella terza fase, l’opera di vampirismo sarà compiuta e ci sentiremo più aridi anche noi, come ben descritto da Lucio Battisti: “tutte le occhiate maliziose che davi eran semi sparsi al vento, qualcosa che perdevi, e m’inaridivi e m’inaridivi e m’inaridivi”. Chi avrà dopo la sfortuna di incontrarci in un momento così delicato, potrebbe dover rifare tutta la trafila che abbiamo fatto noi, come se le storie fossero “tessere giganti di un domino che non avrà mai fine” (De Andrè).

Sostanzialmente occorre accettare che la vita relazionale delle persone è come una melodia musicale: ci sono alcune note fondamentali che la definiscono, e delle note intermedie di abbellimento (nelle scale blues si chiamano blue notes) che servono a riempire il pentagramma fino alla prossima nota fondamentale.

vittima horrorO se preferite un paragone horror, sono quei momenti di silenziosa tensione dove accade qualcosa tra un omicidio e l’altro. Che sono imprescindibili per l’equilibrio di una buona canzone o di un buon film, l’unico problema è che noi volevamo essere l’omicidio, non il silenzioso tendere a qualcosa di bello o di brutto che accadrà in seguito. Per la citazione più feroce scelgo stavolta i CCCP: “qualcuno è pre, qualcuno è post, senza essere mai stato niente”. In realtà non è vero che non siamo stati niente, ma sappiamo bene che quando siamo tanto presi, queste sfumature non esistono e qualunque cosa che non sia tutto, per noi sarà niente. E meno male che ancora la pensiamo così, in quest’epoca di nientofilia, direi.

Si perde acqua e sapone

principessa e dragoDato quindi che a lavare la testa al porco si perde acqua e sapone, il consiglio di Nonno Papero è quello di evitare come la peste il ruolo di chiodo scaccia chiodo, se vi sentite veramente coinvolti in una storia. Vi sentirete come il cavaliere che fa di tutto per liberare la donzella del castello che strepita e grida aiuto, per poi scoprire avvicinandovi di sottecchi, che in realtà sta felicemente trombando col drago. E questo non è carino per voi, mentre è carinissimo per la princess che in questo modo cerca di tenersi sia il cavaliere che il drago, anche se in finale stringerà solo un pugno di mosche in mano, come è giusto che sia.

Conclusioni

E quando un giorno ci sentiremo noi in quella situazione, quando inizieremo a dirci che “dopo tanto dare vorremmo prendere”, sarà meglio farci un esame di coscienza. Ovvero comprendere se la persona con la quale ci interfacceremo dopo cerca come noi un apostrofo rosa (la famosa situationship) o sta cercando il Tutto che non siamo pronti o che non vogliamo dare. In quest’ultimo caso, facciamo il possibile per parlare chiaro, per essere onesti (soprattutto con noi stessi) e per spezzare il “domino di tessere giganti che non avrà mai fine”.

ritratto dorian grayDalle ferite amorose ci si riprende sempre, dai compromessi con la nostra coscienza invece se ne esce ridimensionati, impoveriti, minori (ovviamente solo se siamo persone dotate di un codice morale, di onore e di empatia).

Più concederemo spazio alle ambiguità e più ne riceveremo in seguito, arrivando a inventare grottesche caricature del sentimento, invischiate tra autogiustificazioni, sfumature sempre più indistinguibili e sbavate, alzate di spalle vigliacche e un avvizzimento del cuore, che col tempo diventerà una zona grigia cronica piantata nel petto, decretando la nostra vecchiaia emotiva più di un tubetto di Cukident sulla mensola del bagno.

COMMENTI 0

Lascia un commento