15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Vado a vivere da solo Come tornare single e sopravvivere!
amore ossessione

Straziami, ma di qualcosa saziami

Avatar
Aprile 23, 2017

Nulla ci crea, nulla ci distrugge, tutto ci trasforma. Distorcendo un po’ le parole del padre della chimica Lavoisier si ottiene una bella verità, che spesso sfugge a chi si trova con le viscere aggrovigliate in problemi d’ammore.

gollumQuello che rende malsane molte relazioni è credere che l’altra persona possa avere un potere di vita o di morte su di noi. Che la sua presenza sia il carro splendente che ogni mattina spinge la nostra alba e la sua assenza sia la carrozza nera che si porta via sole, luna e stelle, tirandole malamente giù dal cielo come fossero carta da parati. Il mio tessssoroo…

Un sentimento esaltante quando siamo molto giovani, ma che diventa destabilizzante quando ci prende in età matura. E’ vero che passati i 35 o 40 anni si dovrebbero avere un’esperienza e una consapevolezza in grado di ammortizzare queste sensazioni estreme, è altresì vero che spesso delle lunghe vite insoddisfacenti generano in noi una tale caverna di bisogni affettivi da renderci più infiammabili di una botte di vodka in un incendio.

I mostri siamo noi

Il trucido Singleverso è un regno di luci e ombre, abitato da narcisisti, vampirelli, non morti e licantropi, ma spesso i mostri siamo noi, e non ce ne rendiamo conto.

mostri affettivi

Siamo noi quando andiamo in giro con una cintura di candelotti affettivi sotto la giacca, pronti a farli/farci esplodere vicino al primo o alla prima che passa.

love bombA quel passante che voleva solo chiederci l’ora, o sorriderci, o prendere un caffè, ma non aveva idea che fossimo in cerca di una causa di martirio, e di qualcuno da coinvolgere nella nostra detonazione/ossessione.

Come faceva quella canzone degli Smiths? “Because if it’s not Love then it’s the Bomb, the Bomb, the Bomb, the Bomb, the Bomb, the Bomb, the Bomb that will bring us together”

Pensare che l’altro possa crearci o distruggerci è il sintomo della malattia. Quando si delega questo a qualcuno, vuol dire che si sta sbagliando con sè stessi e con l’altra persona. Pensare che invece possa trasformarci è bello e giusto, perché le persone hanno un valore, e se non ci cambiano neanche di una virgola vuol dire che non gliene abbiamo dato la possibilità.

Non è sempre facile distinguere queste cose, ma ogni tanto è importante chiederci se guardiamo l’altro con gli occhi dell’amore o invece con quelli di qualche nostro bisogno mai sanato. In questo cocktail quanta parte c’è di amore e quanta di ossessione?

Lascia che tutto scorra

L’importante, e questa volta scomodo Eraclito, è che tutto scorra, che la nostra vita non si fossilizzi, che non prenda odore di muffa. E l’amore non deve essere il sangue che circola nelle nostre vene, ma quel buon bicchiere di vino rosso che lo ossigena e lo rende più fluido e zampillante. Il vino lo vogliamo buono, naturale e genuino, ma dobbiamo limitarci a chiedergli una bella sbronza, mai una trasfusione.

COMMENTI 1
  • Avatar
    Ottobre 6, 2017 at 7:52 pm
    Cristina Medici

    Amen ….
    Complimenti!
    Sbronza travolgente e mai transfusione …l’altro ne resta dissanguato e questo è puro egoismo non amore.

Lascia un commento