15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Come tornare single e sopravvivere
amore dopo i 40

Dopo i 40 più che amore è ortopedia

Avatar
Gennaio 15, 2019

Avendo a che fare con tanti e tante single over 40, ho maturato una convinzione che è poi diventata una certezza: più che di parlare di faccende sentimentali sembra di trovarsi in un ospedale da campo. Mi spiego meglio: se a 20 anni stai con una persona, grosso modo è perché ti piace quella tipologia di persona, punto, stop, lineare.

uomo ricominciare a vivereQuando si arriva ai 40 invece, scopri che le persone stanno con altre persone perché queste sono state una presenza valida durante un momento di crisi, quasi sempre dovuto ad una relazione precedente andata (a) male. Quindi trovi bizzarre accozzaglie (che magari si rivelano di successo) tra persone apparentemente lontane, ma che per volere del destino sono andate a insinuarsi e a combaciare con le fratture dell’altro.

E così la donna incupita dagli intellettuali malinconici trova giovamento nello sportivo allegrone, l’uomo bastonato una volta di troppo dalle frivole gazzelle, si getta tra le braccia dell’amorevole crocerossina e così via, in un Tetris amoroso che mette insieme persone che in età giovanile non si sarebbero lanciate neanche uno sguardo.

Lovely è il nuovo massaggiatore wireless rilassante e stimolante per lei


riconoscere un narcisistaUna delle frasi ricorrenti che sento quando chiedo “ma come mai hai iniziato a frequentarlo/a?” è quella di aver ricevuto sostegno e conforto dopo la fine di una relazione, dove il precedente viene quasi sempre descritto come psicopatico/narcisista/anaffettivo/borderline e insomma, come tutte le paroline feroci con le quali si descrive l’amore quando l’amore non c’è più.

La cosa che mi affascina di questo General Hospital, è il rimescolamento eterno del mazzo di carte, dove ci si allontana dagli stereotipi di partner che si credeva di desiderare, per lanciarsi tra le braccia di nuovi medici, infermiere, portantini e guaritori. Le linee che un tempo sembravano rette ora diventano traiettorie impazzite, che sembrano disegnate da un geometra in acido ma che in realtà seguono tutta una catena di cause ed effetti che si delinea relazione dopo relazione, fallimento dopo fallimento, ferita dopo ferita.

Mi affascina perché altrimenti saremmo una prevedibile sequenza di velina con calciatore, intellettuale con bibliotecaria, scienziata con biomedico, e invece le coppie nate dopo i 40 rappresentano a volte assortimenti molto più inusuali e curiosi. Perché di rinascere, nei modi più arditi e impensabili, non ci si stanca davvero mai.

COMMENTI 0

Lascia un commento