15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 1 5000 1 horizontal https://www.vadoaviveredasolo.net 300 4000
Come tornare single e sopravvivere
single ladies

All the Single Ladies: il potere delle donne single

Avatar
Marzo 9, 2016

La percentuale di donne americane sposate cala sotto il 50% e l’età del loro primo matrimonio sale da 22 a 27 anni, sconvolgendo una media che reggeva dal 1890. In base a questo le “zitelle” americane sono diventate un segmento elettorale tra i più potenti, se non il più potente in assoluto.

il-potere-delle-donne-singleAll the Single Ladies: il potere delle donne single
, è il nuovo libro di Rebecca Traister e analizza la condizione della donna single di oggi: più ricca, più indipendente, più capace.

Contrariamente a quanto ci veniva detto fino solo a pochi anni fa, il matrimonio ormai non rappresenta più necessariamente per la donna un innalzamento della propria condizione, bensì spesso un momento di regressione, di limite delle energie personali dedicate al miglioramento sociale.

Come dice la Traister al Guardian“il matrimonio è stato una necessità per così tanto tempo per le donne.
 Hanno fatto affidamento sul matrimonio per la stabilità economica e per avere una vita sessuale o una famiglia in un modo socialmente sancito.

Ma quando si elimina quel modello, non devi solo considerare alternative radicalmente opposte bensì un’infinità varietà di alternative.

Lovely è il nuovo massaggiatore wireless rilassante e stimolante per lei


Alternative che possono portare felicità, infelicità, vita di coppia, solitudine, che possono portare a rapporti sessuali, celibato e pasticci di tutte queste cose intrecciate tra di loro: donne che hanno una vita sessuale promiscua, donne che hanno una vita che non include il sesso per anni o per sempre, donne che hanno relazioni monogame, donne che si sposano presto, tardi, donne che divorziano, donne che sposano altre donne, donne che hanno figli prima del matrimonio, le donne che hanno figli e finiscono per allevarli con gli amici.”

Insomma: più consapevolezza di sè e meno dipendenze economiche e affettive e soprattutto non delegare al matrimonio la riuscita della nostra vita. Direi che il pensiero dell’autrice sia stato recepito benissimo anche qui in Italia, dove i matrimoni calano ogni anno al ritmo di 10.000 in meno circa.

Forse nel paese del Family Day non si ancora voluta comprendere pienamente la portata politica di questi cambiamenti sociali, ma sappiamo bene quali sono i poteri frenanti in questo caso.

- da -

Sei single? Non perderti il libro di Vado a vivere da solo!


COMMENTI 0

Lascia un commento